Eco-concerto per paesaggio sonoro del Parco Nazionale del Gran Paradiso e violoncello solo suonato da Silvia Chiesa

Condividi

19/08 21h15 

Presentato in anteprima assoluta in questa serata, il concerto è una produzione originale del Festival Spazi d’ascolto, ideata e realizzata in collaborazione con l’Ente Parco per celebrare il centenario della nascita del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Sulla spianata del Castello di Introd, lo spettatore-ascoltatore prenderà parte a un evento unico, che integra i suoni del Parco, registrati e mixati in un paesaggio sonoro dinamico e coinvolgente, con i suoni della musica, eseguita da uno dei massimi interpreti della musica contemporanea internazionale. L’originalità del progetto e il suo portato artistico hanno reso possibile inserire questo stesso eco-concerto del 19 in anteprima a Introd nel cartellone del prestigioso Amiata Piano Festival il 26 agosto 2022.

Silvia Chiesa

“Appassionata” (Sole 24 Ore), “convincente” (American Record Guide), “ricca di personalità” (Diapason). La violoncellista Silvia Chiesa ha conquistato pubblico e critica grazie a una brillante carriera solistica che la colloca tra le interpreti italiane più apprezzate nel mondo, con regolari tournée nei principali Paesi europei, ma anche negli Stati Uniti, in Cina, Australia, Africa e Russia. Il suo percorso artistico è caratterizzato dall’ampiezza e dall’originalità del repertorio, che comprende anche autori e brani poco noti o ingiustamente dimenticati, in particolare del Novecento italiano a cui ha dedicato registrazioni di riferimento. Alla violoncellista milanese spetta anche un ruolo di primo piano nella fioritura del repertorio contemporaneo per il suo strumento.
E’ dedicataria di lavori di Azio Corghi, Ivan Fedele e Matteo D’Amico e ha eseguito in “prima” italiana lavori di Gil Shohat, Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies e Giovanni Sollima. Nel 2005 ha costituito con il pianista Maurizio Baglini un duo stabile, applaudito su prestigiosi palcoscenici internazionali, tra cui la Salle Gaveau di Parigi, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Oriental Art Center di Shangai, la Sala Cecília Meireles di Rio de Janeiro, la Victoria Hall di Ginevra, nonché in Libano, Russia, Brasile, Belgio, Islanda, Israele e Australia. Al loro duo sono dedicati brani di Marco Betta, Nicola Campogrande, Gianluca Cascioli e Azio Corghi.

La discografia del duo è pubblicata da Decca e comprende il cd Cello Sonatas con le Sonate per violoncello e pianoforte di Brahms e l’“Arpeggione” di Schubert. Entusiasmanti anche le performance del trio formato da Silvia Chiesa con la violinista Francesca Dego e la pianista Mariangela Vacatello (Amiata Piano Festival, Fazioli Concert Hall, Società Filarmonica di Trento.
Come solista ha collaborato con direttori d’orchestra quali Luciano Acocella, Paolo Arrivabeni, Gürer Aykal, Giampaolo Bisanti, Massimiliano Caldi, Tito Ceccherini, Daniele Gatti, Cristian Orosanu, Corrado Rovaris, Daniele Rustioni, Howard Shelley e Brian Wright. Ha inciso inoltre concerti live per emittenti radiotelevisive quali Rai Radio3, Rai Sat, France Musique e France 3. Nel 2016 ha ricevuto il Premio Anlai dell’Associazione Nazionale Liuteria Artistica Italiana. E’ uscito il CD tra la Carne e il Cielo che comprende la registrazione live dell’omonimo e nuovo lavoro per violoncello concertante di Azio Corghi: ispirato a Pier Paolo Pasolini e dedicato alla violoncellista milanese, è stato eseguito in “prima” assoluta il 2 novembre 2015 al Teatro Comunale di
Pordenone: con Silvia Chiesa, il pianista Maurizio Baglini, l’attore Omero Antonutti, il soprano Valentina Coladonato e l’Orchestra della Rai di Torino diretta da Tito Ceccherini. Ivan Fedele le ha dedicato Hommage à Henri Dutilleux, in prima mondiale al Festival per violoncello di Beauvais (Francia). Sempre nel 2016 è uscito il CD registrato insieme a Baglini con la registrazione dell’integrale per duo violoncello e pianoforte di Rachmaninov (Decca). E’ artista residente della rassegna internazionale di musica da camera “Amiata Piano Festival” e docente all’Istituto superiore di studi musicali “Monteverdi” di Cremona. Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

La serata si chiuderà con “round midnight”: le tisane di Emilia ‘Emy’ Berthod offerte dal Festival agli spettatori che vogliono passare insieme la mezzanotte.

Prenotazioni

 

Contatti

info@festivalintrod.it
329 9435457

Biglietti

5 € – Biglietto under 18 anni
10 € – Biglietto over 18 anni
35 € – Abbonamento (escluso evento pomeridiano della Nuova Barberia Carloni del Teatro Necessario)

Evento Nuova Barberia Carloni del Teatro Necessario
10 € – Adulti
5 € – Bambini

Orari

In caso di maltempo, gli spettacoli del Festival del Castello d’Introd, per gentile concessione della famiglia Fusinaz, saranno realizzati, adattandoli, presso la cascina l’Ola, a pochi metri dalla biglietteria. In relazione al numero limitato di posti disponibili è fortemente consigliata la prenotazione.

Onde evitare assembramenti e code la biglietteria aprirà un ora prima degli eventi e i cancelli mezz’ora prima 

Compila questo modulo per prenotare

  • Ad esempio Mario rossi 07/02/1975, Giuseppe verdi 06/05/1978 ...
  • Se non hai ancora prenotato clicca su nuova, se stai aggiornando la tua precedente prenotazione a seguito delle variazioni di programma seleziona "cambio"

Programma 2022

Il Castello di introd

Pagina Facebook